Regione Piemonte

Aliquote I.M.U. 2018 - Acconto scadenza 18 giugno 2018

Ultima modifica 22 giugno 2018

La prima rata sarà da pagare entro il 18/06/2018.

Per l'anno 2018, con D.C.C. n. 2 del 27-02-2018, sono confermate le aliquote vigenti come di seguito indicate: 
PRIMA CASA (solo per categorie A/1 - A/8 - A/9): 0,40 %
SECONDE CASE: 0,95 %
ALTRI NEGOZI, FABBRICATI CATEGORIA 'C' :  0,98 %
AREE FABBRICABILI: 0,80 %
FABBRICATI DI CATEGORIA 'D'  : 0,98 %
TERRENI AGRICOLI  : 0,76 %
FABBRICATI RURALI STRUMENTALI : ESENTI
BANCHE ED ASSICURAZIONI  : 1,06 %

IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO D'USO GRATUITO
Un immobile abitativo, ad eccezione di quelli classificati A1, A8 e A9, può essere concesso in comodato d'uso gratuito, ai sensi del comma 10 della legge 28/12/2015 n. 208, ai parenti in linea retta entro il primo grado che lo utilizzino come abitazione principale. Chi da la casa in comodato deve essere proprietario di un solo immobile oppure al massimo di due, ma in tal caso uno dei due dev'essere necessariamente abitazione principale del proprietario e l'altro abitazione principale di chi riceve in comodato la casa. L'immobile oggetto del comodato dev'essere nello stesso comune dove risiede chi da la casa in comodato.
Il contratto di comodato d'uso gratuito è soggetto obbligatoriamente a registrazione presso l'Agenzia delle Entrate.
Qualora sussistano le condizioni su esposte, previa presentazione del contratto di comodato d'uso gratuito all'ufficio tributi del comune di Calamandrana, sulla casa data in comodato si applica la riduzione del 50% della base imponibile.

L'IMU è da calcolare in autoliquidazione, quindi è il contribuente che deve provvedere oltre che al calcolo anche alla compilazione del Modello F24 e al versamento, assumendosi la responsabilità di eventuali errori relativi all'inserimento dei dati.


calcolo dell'imposta per i terreni e fabbricati in Calamandrana


L'Ufficio può effettuare le visure catastali     

Per i terreni edificabili vedi tabella valori aree allegata alla D.G.C. n. 23 del 13/04/2017

TASI 2018 -  NON SI PAGA LA TASI SULL'ABITAZIONE PRINCIPALE E SULLE RELATIVE PERTINENZE  ed essendo confermato l'azzeramento dell'aliquota sulle altre tipologie di immobili, nel Comune di Calamandrana la TASI NON E' DOVUTA  (DCC nr. 1 del 27/02/2018)

TARI 2018 : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE COMPONENTE TARI (TRIBUTO SERVIZIO RIFIUTI) - (D.C.C. n. 5 del 29/03/2017)

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2018
L'addizionale comunale IRPEF per l'anno 2018 è confermata come quella dell'anno 2017 nella misura di 0,6% - (D.C.C. n. 3 del 27/02/2018)

Per ulteriori informazioni contattare
la responsabile del servizio Lovisolo Giuseppina
Tel. 014175114  int. 203    
e-mail: finanze@comunecalamandrana.it


SEZIONE INFORMATIVA SULLA IMPOSTA COMUNALE UNICA

Cosa sono TARI, TASI e IMU

L'IMU, acronimo di Imposta municipale unica, è la più “vecchia” delle tre imposte e, quindi, la più nota. Ideata per sostituire l'ICI, non deve essere pagata per le prime case – a meno che non siano di lusso –, mentre per le altre categorie di immobili si deve procedere con un calcolo non dissimile dagli anni passati.   REGOLAMENTO_IUC_IMU

La TARI è l'imposta necessaria per coprire i costi della raccolta e smaltimento rifiuti e va a sostituire la TARES. È dovuta dai proprietari degli immobili e dai titolari di imprese commerciali o industriali. Anche se la base imponibile è strettamente legata alla superficie dell'immobile, i Comuni hanno ampia libertà per stabilire aliquote e detrazioni e per le tempistiche di pagamento. Le Amministrazioni Comunali decidono il numero di rate (dalla soluzione unica ad un massimo di quattro) e provvedono all'invio del bollettino precompilato o del modello F24 per il pagamento bancario. REGOLAMENTO TARI 2016.pdf

La TASI, infine, è l'imposta per il pagamento dei servizi comunali e si applica alle prime e alle seconde abitazioni. Il calcolo dell'importo dovuto è piuttosto complesso: in questo caso la base imponibile è rappresentata dalla rendita catastale, rivalutata del 5% e moltiplicata per un coefficiente pari a 160 nel caso di case e abitazioni (80 per gli uffici, 55 per i negozi, 65 per gli immobili strutturali). Poi si inseriscono nel calcolo le aliquote e le detrazioni stabilite a livello comunale. REGOLAMENTO TASI